L’emittente di USDT Tether supera le grandi banche con forti guadagni nel 2023

Con soli 100 dipendenti, il reddito per dipendente di Tether è 380 volte superiore a quello di JPMorgan.
Tether USDT
Indice

Tether, l’emittente della più grande stablecoin al mondo, USDT, ha raggiunto una pietra miliare nell’intero spazio finanziario, con il suo reddito netto che è salito a ben 6,2 miliardi di dollari nel 2023. Secondo Teddy Fusaro, presidente di Bitwise, questa cifra si avvicina ai numeri riportati da alcuni dei principali colossi bancari come Morgan Stanley e Goldman Sachs.

È interessante notare che Tether ha raggiunto questo traguardo storico con soli 100 dipendenti, dimostrando un livello di efficienza senza precedenti. Questa performance è particolarmente straordinaria se confrontata con quella di alcune delle principali banche tradizionali. Ad esempio, il reddito per dipendente di Tether è di ben 380 volte superiore a quello prodotto dal gigante bancario JPMorgan. Questo dimostra quanto Tether riesca a massimizzare la redditività.

Tether (USDT) è l’unica stablecoin nel mercato delle criptovalute con una capitalizzazione di mercato di 100 miliardi di dollari. Si tratta di una cifra più che tripla rispetto a quella del suo immediato concorrente Circle (USDC). È interessante notare che questa crescita magnanima testimoniata da Tether ha suscitato discussioni all’interno della comunità crypto.

Di conseguenza, anche gli operatori tradizionali hanno avviato offerte di stablecoin. Anche altri grandi operatori del mercato delle criptovalute, come Ripple, stanno puntando a una fetta del mercato delle stablecoin, che si prevede raggiungerà i 2,8 trilioni di dollari entro il 2030.

Tether supera tutte le preoccupazioni sulle sue operazioni

Colossi bancari come JPMorgan hanno sollevato preoccupazioni sulla rapida traiettoria di crescita di Tether. Citando i continui problemi di Tether in materia di conformità e trasparenza delle criptovalute, la banca ha evidenziato i maggiori rischi per il più ampio ecosistema delle criptovalute.

Tuttavia, nonostante gli attacchi dei principali operatori bancari, la dirigenza di Tether ha continuato a rimanere ottimista sul futuro della società. L’amministratore delegato di Tether, Paolo Ardoino, afferma che la sua posizione dominante sul mercato sarebbe vantaggiosa per l’intero mercato delle criptovalute. Ha inoltre aggiunto che Tether ha intrapreso un approccio proattivo nel dialogo con le autorità di regolamentazione globali. Ardoino ha dichiarato che:

“Il dominio del mercato di Tether può essere “negativo” per i concorrenti, compresi quelli del settore bancario che desiderano un successo simile, ma non è mai stato negativo per i mercati che hanno più bisogno di noi”.

Oltre a dominare il mercato delle stablecoin, Tether si sta anche dedicando al mercato dell’intelligenza artificiale (AI). L’emittente di stablecoin cerca di rendere le tecnologie AI più efficienti e accessibili, sostenendo al contempo pratiche trasparenti e open-source.

Questa decisione strategica si inserisce nel contesto di un crescente dibattito sulla centralizzazione delle tecnologie AI. L’impegno di Tether nei confronti di modelli di IA aperti mira a promuovere l’innovazione e a mitigare le tendenze monopolistiche del settore.

Fonte: Coinspeaker

HOT TOPIC

Articoli correlati

Giorni :
Ore :
Minuti :
Secondi

— Elimina la confusione —
— diventa un vero trader —

Risparmia 547€
Sul Corso Basic 2.0

⚠️ Solo per pochi giorni ⚠️

L'Academy apre le sue porte.
Entra ora e preparati a cavalcare la prossima Bullrun con noi!