L’UE sta pensando di aggiungere le criptovalute al mercato degli investimenti da 12 miliardi di euro, più grande degli ETF Bitcoin

Secondo gli esperti, l'inclusione potrebbe cambiare le carte in tavola per le criptovalute.
UE Bitcon
Indice

L’autorità di vigilanza sui titoli dell’Unione europea sta chiedendo alle parti interessate se includere le criptovalute nei prodotti di investimento – una mossa che potrebbe consentire alle criptovalute di attingere a un mercato più grande dei fondi negoziati in borsa di Bitcoin.

L’Autorità europea degli strumenti finanziari e dei mercati (ESMA, ndr) sta chiedendo agli operatori del settore e agli esperti di fornire indicazioni sull’ampliamento degli asset ammissibili per la rete – chiamata Organismi di investimento collettivo in valori mobiliari (OICVM).

La mossa apre la porta a un più ampio accesso alle criptovalute attraverso gli UCITS, un mercato da 12.000 miliardi di euro.

Se l’ESMA è convinta, si tratterebbe del “passo finale verso l’integrazione delle criptovalute in Europa”, ha dichiarato a DL News l’esperto di regolamentazione finanziaria Sean Tuffy, definendolo un potenziale “game changer”.

La proposta arriva dopo che quest’anno le autorità di regolamentazione degli Stati Uniti e di Hong Kong hanno approvato gli ETF su Bitcoin, evidenziando come gli operatori finanziari tradizionali stiano entrando nel mondo delle criptovalute.

Solo negli Stati Uniti, i fondi gestiti da società del calibro di BlackRock e Grayscale hanno raccolto circa 18 miliardi di dollari ciascuno da gennaio, diventando uno dei principali motori del rally del Bitcoin nel primo trimestre del 2024.

Tuttavia, l’approvazione non è una conclusione scontata.

Scadenza di agosto

L’invito dell’ESMA alle parti interessate è aperto fino al 7 agosto.

“L’impatto sarebbe più significativo rispetto agli ETF statunitensi”, ha dichiarato a DL News Andrea Pantaleo, avvocato specializzato in regolamentazione e contenzioso in materia di criptovalute presso DLA Piper.

“Perché potrebbero esserci molti comparti di fondi interessati a investire piccole percentuali di liquidità in cripto-asset”.

Che cos’è l’UCITS?

Ci sono diverse ragioni per cui l’accesso agli OICVM potrebbe rivelarsi una manna per il settore.

Gli investimenti UCITS sono costituiti da molte categorie diverse di fondi a cui vengono assegnate attività diverse a seconda del loro rischio e del loro profilo.

C’è un altro modo in cui il quadro normativo dell’UE potrebbe favorire le criptovalute: “L’autorizzazione non è richiesta ogni volta che un fondo investe in cripto-asset, e questo andrebbe anche a vantaggio della liquidità del mercato”, ha detto Pantaleo.

Negli Stati Uniti, gli ETF si basano su singoli asset che devono essere autorizzati dalle autorità di regolamentazione.

Fonte: DL News

HOT TOPIC

Articoli correlati

Giorni :
Ore :
Minuti :
Secondi

— Elimina la confusione —
— diventa un vero trader —

Risparmia 547€
Sul Corso Basic 2.0

⚠️ Solo per pochi giorni ⚠️

L'Academy apre le sue porte.
Entra ora e preparati a cavalcare la prossima Bullrun con noi!