JP Morgan svela il motivo per cui Ethereum potrebbe non essere una security

Se lo staking non è concentrato in poche mani, ETH può non essere classificato come titolo.
Ethereum Security
Indice

In una recente analisi, il team Global Markets Strategy di JP Morgan ha fatto luce sugli sviluppi chiave della rete Ethereum che potrebbero influenzare in modo significativo la sua classificazione ai sensi della legge sui titoli. Il report giunge in un momento critico per ETH, in quanto la fondazione con sede in Svizzera è sotto inchiesta da parte della Securities and Exchange Commission (SEC) statunitense.

Perché Ethereum non è una security

JP Morgan sottolinea la continua diminuzione della quota di ETH in staking da Lido, che è scesa da circa un terzo un anno fa a circa un quarto attualmente. Questo spostamento verso un ecosistema di staking più decentralizzato potrebbe alleviare le preoccupazioni della regolamentazione in merito alla centralizzazione all’interno della rete Ethereum.

“Positivo per la rete Ethereum, la quota di ETH in staking su LIDO è diminuita ulteriormente da circa un terzo un anno fa a circa un quarto al momento. Questo dovrebbe ridurre le preoccupazioni sulla concentrazione nella rete Ethereum, aumentando così la possibilità che Ethereum eviti di essere designato come security in futuro”, si legge nel rapporto.

Gli analisti fanno anche riferimento ai cosiddetti “documenti Hinman”, pubblicati lo scorso giugno, che hanno svolto un ruolo fondamentale nel definire la posizione della SEC sui token digitali. Secondo questi documenti, il grado di decentralizzazione della rete è fondamentale, in quanto i token di una rete sufficientemente decentralizzata potrebbero non essere classificati come titoli.

Si legge:

In particolare, i funzionari della SEC avevano riconosciuto in passato che i token di una rete sufficientemente decentralizzata non sono più titoli perché non esiste un “gruppo di controllo” nel test di Howey.

Prospettive della comunità sulla decentralizzazione

La comunità di Ethereum ha reagito positivamente a questi sviluppi. Anthony Sassano, fondatore di The Daily Gwei e cofondatore di EthHub, ha commentato la diminuzione della posizione dominante di Lido, attribuendola all’aumento della concorrenza nello spazio dello staking. Secondo Sassano, questo è un passo avanti verso un ecosistema di staking di ETH più decentralizzato e sano.

Ho detto a lungo che il modo migliore per impedire a Lido di crescere e ridurre la sua quota di mercato è aumentare la concorrenza nello spazio di staking, cosa che ora abbiamo fatto! L’ecosistema di staking di Ethereum non è mai stato così sano“, ha commentato Sassano.

Tuttavia, le opinioni sugli attuali progetti di restaking rimangono contrastanti, con alcuni utenti che si chiedono se i progetti di restaking “siano migliori”. In risposta, Sassano ha affermato: “Il dibattito potrà essere affrontato solo quando avremo un mercato libero e vivace di progetti di staking di Ethereum, e non una manciata di progetti che dominano la maggior parte della quota di mercato”.

Seraphim, responsabile della crescita di Ethena Labs, ha offerto una visione pragmatica della situazione, suggerendo che l’offerta di rendimenti migliori è una strategia più efficace delle critiche, affermando: “È emerso che offrire maggiori rendimenti è una strategia commerciale migliore che lamentarsi come i troll di Rocketpool, felici per i progetti LRT, anche se io sono favorevole a Lido. Questo accelera lo spazio in qualcosa di nuovo ed eccitante“.

Altri aspetti positivi per Ethereum

JP Morgan ha anche sottolineato l’importanza dell’aggiornamento di Dencun nel suo report, che rappresenta un importante progresso tecnologico rispetto al precedente aggiornamento di Shanghai. Introducendo blob e schemi crittografici come lo schema di impegno KZG, l’aggiornamento Dencun ha “ridotto significativamente i costi di transazione sul livello 2 di Ethereum”, secondo il rapporto.

In prospettiva, l’atteso aggiornamento di Petra dovrebbe introdurre gli alberi di Verkle, facilitando l’archiviazione efficiente dei dati e rafforzando ulteriormente la scalabilità e l’efficienza di Ethereum. Il rapporto osserva ottimisticamente: “Petra… introdurrà funzioni come gli alberi di Verkle per un’archiviazione efficiente dei dati, che mirano a semplificare la verifica dei blocchi tagliando i blocchi storici più vecchi di un anno, conservando così lo spazio di archiviazione e la larghezza di banda”.

Al momento della stampa, ETH era scambiato a 3.275 dollari.

Fonte: Bitcoinist

HOT TOPIC

Articoli correlati

Giorni :
Ore :
Minuti :
Secondi

— Elimina la confusione —
— diventa un vero trader —

Risparmia 547€
Sul Corso Basic 2.0

⚠️ Solo per pochi giorni ⚠️

L'Academy apre le sue porte.
Entra ora e preparati a cavalcare la prossima Bullrun con noi!