L’Italia verso nuove linee guida per le criptovalute

L'Italia vuole proteggere i propri investitori con norme più sicure sulle criptovalute, ma allo stesso tempo mette in discussione Bitcoin ed Ethereum.
Indice

L’Italia si prepara ad adottare la normativa MiCA (Markets in Crypto-Assets Regulation) dell’Unione Europea per regolamentare il mercato delle criptovalute.

Questa mossa mira a creare un quadro normativo chiaro e a proteggere gli investitori, in un contesto in cui il valore e l’affidabilità delle criptovalute, come Bitcoin ed Ethereum, sono messi in discussione dai vertici bancari italiani.

Il governatore della Banca d’Italia attacca BTC ed ETH

Il governatore della Banca d’Italia, Fabio Panetta, ha espresso una posizione critica riguardo a Bitcoin ed Ethereum, dichiarando che queste criptovalute non possiedono valore intrinseco e non generano flussi di reddito, cedole o dividendi.

Durante un incontro con l’Associazione bancaria italiana (ABI), Panetta ha classificato Bitcoin ed Ethereum come criptovalute “unbacked, in quanto non supportate da asset tangibili. Secondo il governatore l’ingresso in Bitcoin ed Ethereum è paragonabile al gioco d’azzardo, basato principalmente sulla speculazione.

Ha sottolineato che queste criptovalute non sono adatte a fungere da mezzo di pagamento, riserva di valore o unità di conto, funzioni fondamentali del denaro tradizionale.

Panetta ha quindi ribadito l’importanza di avere linee guida chiare e regolamentazioni adeguate per mitigare i rischi associati alle criptovalute, proteggendo così gli investitori italiani.

Le categorie di token secondo il MiCA

La normativa MiCA dell’Unione Europea distingue tra due principali categorie di token: i token di riferimento degli asset (ART) e i token di moneta elettronica (EMT).

Gli EMT, come le stablecoin, sono considerati più stabili poiché il loro valore è legato a una singola valuta fiat. Gli ART, invece, ancorati a più asset come l’oro e sono ritenuti più volatili.

Fabio Panetta ha evidenziato che solo gli EMT possono fungere pienamente da mezzo di pagamento, preservando la fiducia del pubblico. Ha inoltre sottolineato che, senza una regolamentazione adeguata, anche le stablecoin potrebbero essere vulnerabili a corse ai riscatti se i loro detentori perdessero fiducia in esse.

Nuove linee guida per le crypto

L’Italia sta per pubblicare nuove linee guida per le criptovalute, conformi alla normativa MiCA dell’UE, con l’obiettivo di migliorare la protezione dei detentori di criptovalute e garantire la stabilità del sistema finanziario.

Queste normative includeranno sanzioni severe per atti illeciti, come la manipolazione del mercato e l’insider trading, con multe che variano tra 5.000 e 5 milioni di euro.

Le principali società di criptovalute, come Binance, stanno già adeguando le loro operazioni per conformarsi a queste nuove normative. Altre aziende, come BingX, stanno esplorando partnership con depositari terzi per migliorare la protezione degli asset degli utenti.

La collaborazione tra le autorità italiane e le aziende crypto sarà fondamentale per garantire l’efficacia di queste misure e per sostenere l’innovazione nel settore, creando un ambiente di trading più sicuro e trasparente per tutti gli investitori.

HOT TOPIC

Articoli correlati

Giorni :
Ore :
Minuti :
Secondi

— Elimina la confusione —
— diventa un vero trader —

Risparmia 547€
Sul Corso Basic 2.0

⚠️ Solo per pochi giorni ⚠️

L'Academy apre le sue porte.
Entra ora e preparati a cavalcare la prossima Bullrun con noi!