Improbabile che gli ETF su Ether provochino una “bolla”

L'interesse per le scommesse su Ether è aumentato in modo significativo dopo che l'approvazione degli ETF di Bitcoin spot a gennaio ha suscitato ottimismo tra i trader di ETH.
ETF-Ethereum
Indice

I fondi negoziati in borsa (ETF) di Ether (ETH) possono aumentare gli investimenti istituzionali e alimentare la blockchain più utilizzata al mondo, ma è improbabile che creino euforiche impennate dei prezzi, secondo alcuni osservatori del mercato.

L’interesse per le scommesse su Ether è aumentato significativamente dopo l’approvazione degli ETF su Bitcoin (BTC) a gennaio, che ha acceso la speranza tra i trader di Ether. La scorsa settimana, il token nativo di Ethereum ha superato la soglia dei 3.000 dollari per la prima volta dall’aprile del 2022, aumentando del 15% in una settimana e battendo il relativamente modesto rally dell’8% di Bitcoin nello stesso periodo.

I circoli crypto sul social network X prevedono che questa azione di prezzo continuerà dopo l’emissione prevista di ETF di Ether nel corso dell’anno. L’idea è che questi afflussi possano poi trovare spazio nel più ampio ecosistema di Ethereum.

Tuttavia, alcuni ritengono che un ETF potrebbe creare una crescita sostenuta, piuttosto che esplosiva, nel mercato di Ether.

“Gli ETF su Ethereum non causeranno bolle”, ha dichiarato in un’e-mail Jag Kooners, responsabile dei derivati presso Bitfinex. “Nonostante le preoccupazioni, gli investimenti istituzionali attraverso un ETF potrebbero stabilizzare il mercato di Ethereum, come si è visto con gli ETF su Bitcoin e sull’oro, favorendo una crescita sostenuta”.

“Le soluzioni Layer 2 di Ethereum migliorano la scalabilità consentendo transazioni più veloci e meno costose al di fuori della blockchain principale, favorendo la crescita”, ha aggiunto. “A differenza di Bitcoin che si concentra sulla sicurezza, le soluzioni L2 di Ethereum danno priorità alla rapida espansione, attirando potenzialmente investimenti istituzionali e ampliando il campo di applicazione”.

Tuttavia, un ETF su Ether deve ancora affrontare degli ostacoli normativi. “La classificazione di Ether come titolo o commodity rimane un ostacolo fondamentale, nonostante le discussioni normative in corso”, ha dichiarato Kooners.

Secondo alcune società della finanza tradizionale, c’è il 50% di possibilità che un ETF su Ether venga approvato entro maggio, come riportato, ed Ether è considerato “l’unico asset digitale diverso da Bitcoin” a ottenere l’approvazione dell’ETF negli Stati Uniti.

A partire da venerdì, Franklin Templeton, BlackRock, Fidelity, Ark e 21Shares, Grayscale, VanEck, Invesco e Galaxy, e Hashdex hanno presentato domanda per un ETF su Ether.

Fonte: CoinDesk

HOT TOPIC

Articoli correlati

Giorni :
Ore :
Minuti :
Secondi

— Elimina la confusione —
— diventa un vero trader —

Risparmia 547€
Sul Corso Basic 2.0

⚠️ Solo per pochi giorni ⚠️

L'Academy apre le sue porte.
Entra ora e preparati a cavalcare la prossima Bullrun con noi!