Frodi e truffe, i rischi degli NFT secondo il dipartimento del Tesoro USA

Secondo un report, le piattaforme NFT mancano di controlli appropriati.
Rischi degli NFT
Indice

Il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti ha rilasciato un report dettagliato che mette in luce i rischi associati agli NFT, sottolineando come queste risorse digitali siano altamente suscettibili a frodi e truffe. Il documento evidenzia la necessità di regolamentazioni più rigide per proteggere gli investitori e il mercato.

Il report del Tesoro USA sui rischi degli NFT

Il report intitolato “Illicit Finance Risk Assessment of Non-Fungible Tokens” del Dipartimento del Tesoro USA esplora i rischi finanziari illeciti legati agli NFT. Gli NFT, si legge, sono estremamente vulnerabili a frodi e truffe. I criminali utilizzano gli NFT per riciclare i proventi di crimini, sfruttando le vulnerabilità legate alle caratteristiche uniche degli NFT e ai regolamenti esistenti.

Il documento del Tesoro evidenzia come le piattaforme NFT manchino spesso di controlli appropriati, mettendo a rischio l’integrità del mercato e facilitando il riciclaggio di denaro, il finanziamento del terrorismo e l’evasione delle sanzioni. Tra le preoccupazioni specifiche si trovano le vulnerabilità informatiche, le sfide relative alla protezione di marchi e diritti d’autore e la volatilità dei prezzi degli NFT. Il Tesoro ha proposto diverse misure per mitigare questi rischi, tra cui strumenti di settore, azioni delle forze dell’ordine e maggiore trasparenza nelle blockchain.

Le truffe nel settore degli NFT

Il report del Tesoro USA ha anche messo in evidenza numerosi casi di truffe legate agli NFT. Tra le frodi più comuni ci sono i phishing, i falsi NFT e i “rug-pulls”. Ad esempio, nel 2022, CryptoBatz è stato vittima di una truffa di phishing pochi giorni dopo il lancio. Un altro attacco significativo è avvenuto nell’aprile 2022 sulla pagina Instagram ufficiale di Bored Ape Yacht Club (BAYC), dove i truffatori hanno rubato quasi $3 milioni in NFT.

La piattaforma OpenSea è stata anch’essa bersaglio di truffatori che hanno rubato centinaia di Ethereum a causa di un problema nel front-end. Questi incidenti dimostrano come le piattaforme NFT siano spesso mal equipaggiate per affrontare tali minacce. I criminali sfruttano la mancanza di controlli adeguati per perpetrare frodi su larga scala, mettendo a rischio milioni di dollari in asset digitali.

Come proteggersi

Per affrontare questi rischi, il Dipartimento del Tesoro ha raccomandato l’implementazione di un quadro normativo adeguato per gli NFT e le loro piattaforme. Tra le strategie proposte vi sono l’educazione e la consapevolezza dei consumatori sui potenziali rischi. L’adozione di programmi di sicurezza informatica come il CISA Cyber Hygiene Scanning Service e la partecipazione a centri di condivisione delle informazioni come il Financial Services Information Sharing and Analysis Center (FS-ISAC) sono incoraggiati per le aziende NFT.

Il Tesoro ha anche sottolineato l’importanza di applicare le leggi esistenti e di migliorare il coinvolgimento del settore privato per comprendere meglio l’ecosistema in evoluzione degli NFT. Infine, ha suggerito di collaborare con partner internazionali per sviluppare politiche che affrontino i rischi finanziari illeciti legati agli NFT, contribuendo a creare un mercato più sicuro e trasparente.

HOT TOPIC

Articoli correlati

Giorni :
Ore :
Minuti :
Secondi

— Elimina la confusione —
— diventa un vero trader —

Risparmia 547€
Sul Corso Basic 2.0

⚠️ Solo per pochi giorni ⚠️

L'Academy apre le sue porte.
Entra ora e preparati a cavalcare la prossima Bullrun con noi!