Oltre 3 miliardi di dollari in Ethereum lasciano gli exchange mentre l’accumulo delle balene sale alle stelle

Le balene continuano ad accumulare ETH in attesa del lancio degli ETF.
Balene Ethereum
Indice

Oltre 3 miliardi di dollari di ETH sono usciti dagli exchange in seguito a un’impennata dell’accumulo di balene. Dopo il via libera agli ETF Ethereum Spot il 24 maggio 2024, gli investitori hanno ritirato i loro ETH dagli exchange, nella speranza che le successive approvazioni potessero provocare significative impennate dei prezzi.

L’analista “burakkesmeci” di Cryptoquant ha rivelato questa tendenza lunedì, notando un ritiro di oltre 800.000 Ethereum dagli exchange dopo l’approvazione dell’ETF, pari a circa 3 miliardi di dollari in un periodo di 8 giorni.

Sebbene l’identità di coloro che si celano dietro questi ingenti acquisti rimanga sfuggente, l’opinionista ha indicato che si tratta di balene o di individui che anticipano gli aumenti di prezzo dopo l’approvazione dell’ETF, definendo la tendenza come rialzista.

“Chi c’è dietro gli acquisti superiori a 3 miliardi di dollari? Posso dare due risposte diverse a questa domanda. Balene o individui che pensano che il prezzo salirà dopo l’approvazione dello Spot ETF. Le istituzioni che si stanno preparando per lo Spot ETF potrebbero essere dietro questa ondata di forti deflussi che è durata 8 giorni”, ha scritto l’opinionista.

“Possiamo aspettarci che il ritiro di oltre 800.000 Ethereum dagli exchange in 8 giorni avrà un impatto positivo sul prezzo nel medio termine”, ha aggiunto.

Ethereum sugli exchange

Questo sviluppo fa eco ai sentimenti degli analisti di Intotheblock, un’altra società di criptovalute, che ha notato l’intensificarsi dell’accumulo di balene in ETH. Il 31 maggio, la società ha riferito che attualmente il 41% dell’offerta di Ethereum è detenuto da indirizzi con più dell’1% dell’offerta totale, segnando un aumento rispetto al 36% dell’inizio dell’anno. Questa impennata consolida la ricchezza e indica una crescente fiducia nel futuro di Ethereum da parte dei grandi stakeholder.

Altrove, analisti come Michael Nadeau, fondatore del Defi Report, prevedono una crescita significativa degli ETF su ETH. In un recente tweet, l’opinionista ha previsto una potenziale riallocazione dei fondi dagli ETF su BTC a quelli su ETH quando inizieranno le contrattazioni, l’emergere di una strategia d’investimento bilanciata BTC-ETH e la probabilità che le istituzioni si riversino su Ethereum a causa della sua relativa sottovalutazione rispetto a Bitcoin.

Secondo l’opinionista, le caratteristiche uniche di Ethereum, come l’assenza di pressioni strutturali di vendita che i miner di Bitcoin devono affrontare, una parte significativa della sua offerta bloccata in contratti di staking e applicazioni DeFi, e il suo ruolo centrale nell’ecosistema Web3, potrebbero aiutarlo a rivaleggiare con Bitcoin come nuova infrastruttura finanziaria, raccogliendo l’attenzione degli investitori istituzionali. In particolare, proprio la scorsa settimana gli analisti di Bernstein hanno previsto una crescita sostanziale del mercato degli ETF sulle criptovalute, stimando che raggiungerà i 450 miliardi di dollari entro due anni.

Detto questo, nonostante la raffica di sviluppi, lunedì Ethereum ha mantenuto una traiettoria laterale, prolungando ulteriormente una fase di consolidamento di due settimane che ha avvolto la sua azione di prezzo. Al momento della stampa, ETH era scambiato a 3.811 dollari, con un modesto rialzo dello 0,89% nelle ultime 24 ore.

Fonte: ZyCrypto

HOT TOPIC

Articoli correlati

Giorni :
Ore :
Minuti :
Secondi

— Elimina la confusione —
— diventa un vero trader —

Risparmia 547€
Sul Corso Basic 2.0

⚠️ Solo per pochi giorni ⚠️

L'Academy apre le sue porte.
Entra ora e preparati a cavalcare la prossima Bullrun con noi!