L’ecosistema di TON deve fare i conti con gli attacchi di phishing

L'ecosistema TON nonostante la crescita degli ultimi mesi del suo TVL, deve affrontare problemi come gli attacchi di phishing
Indice

Negli ultimi mesi l’ecosistema di The Open Network (TON), piattaforma blockchain collegata a Telegram, ha avuto un decisivo e rapido sviluppo. Il TVL (valore totale bloccato), solo nel mese di giugno, è aumentato di oltre il 70% toccando i 260 milioni di dollari.

Questo sviluppo da parte di TON ha attirato, ovviamente, l’attenzione degli investitori, ma anche di gruppi dediti al phishing, che hanno preso di mira l’ecosistema in maniera sempre più crescente.

La truffa degli NFT come metodo di phishing

Di recente la community TON è stata vittima di un attacco di phishing alquanto sofisticato attraverso dei falsi NFT. Gli utenti si sono ritrovati con degli NFT in apparenza “gratuiti” all’interno dei loro wallet, ma quando si trattava di trasferirli, la commissione richiesta di un 1 Toncoin risultava essere elevata.

Una volta pagata questa commissione l’NFT continuava a restare all’interno del wallet dell’utente, in questo modo si delineava una vera e propria truffa.

Questo è un sistema di phishing che va a sfruttare la curiosità verso gli NFT gratuiti facendo in modo da incrementare le commissioni, ma senza in cambio dare alcun reale servizio.

Gli NFT dei numeri virtuali e il phishing su Telegram

Nel 2022 Telegram ha lanciato la piattaforma Fragment, che permette ai propri utenti di acquistare e vendere dei numeri virtuali sotto forma di NFT. La serie di numeri “+888” è quella che ha riscosso più successo fra tutti, diventando in qualche modo una specie di status symbol tra gli utenti Telegram.

Ovviamente questa popolarità ha fatto drizzare le antenne ai truffatori e così un team dedito al phishing ha pensato bene di creare dei falsi NFT, che imitavano questi numeri, distribuendoli tramite dei bot ingannando di conseguenza gli utenti.

A rendere noto come l’ecosistema di TON sia vulnerabile a questi attacchi, è stato il fondatore di SlowMist, Yu Xian, che in un post su X del 23 giugno scrive:

L’ecosistema di Telegram è troppo libero. Molti collegamenti di phishing (o moduli bot) vengono diffusi attraverso gruppi di messaggi, airdrop e altri metodi di inganno utilizzati per sottrarre risorse rilevanti (inclusi NFT, in particolare NFT)“.

Inoltre l’introduzione di numeri anonimi su Telegram che permettono di creare account senza una carta SIM, ha di fatto aumentato i rischi.

Questi account sono particolarmente esposti, poiché la perdita del numero anonimo può comportare la perdita dell’intero account Telegram, a meno che non siano state abilitate misure di sicurezza aggiuntive come la verifica in due passaggi.

L’ecosistema TON continua a crescere

Nonostante queste problematiche e gli attacchi di phishing l’ecosistema TON continua a crescere con ritmi decisamente importanti. Il TVL su TON quest’anno è aumentato del 4.500% toccando i 648 milioni di dollari.

Questa crescita è stata alimentata da una serie di nuovi token e applicazioni decentralizzate (DApp), inclusi giochi play-to-earn come Notcoin.

Con l’aumento dell’adozione, comunque, cresce anche la necessità di affrontare le vulnerabilità di sicurezza e proteggere gli utenti dagli attacchi di phishing.

HOT TOPIC

Articoli correlati

Giorni :
Ore :
Minuti :
Secondi

— Elimina la confusione —
— diventa un vero trader —

Risparmia 547€
Sul Corso Basic 2.0

⚠️ Solo per pochi giorni ⚠️

L'Academy apre le sue porte.
Entra ora e preparati a cavalcare la prossima Bullrun con noi!