La diffusione “fuori controllo” del report di Matrixport sugli ETF Bitcoin Spot

Il fondatore di Matrixport, Jihan Wu, ha affermato che la diffusione del report che prevedeva la mancata approvazione dell'ETF spot su Bitcoin a gennaio era al di fuori del controllo della sua azienda.
Report di Matrixport Bitcoin
Indice

Il giorno dopo il crollo del mercato crypto che ha visto Bitcoin scendere fino a 40.000 dollari, per poi recuperare a 43.000 dollari, emergono nuovi dettagli sul report di Matrixport sugli ETF Bitcoin che è stato considerato tra le cause delle forti pressioni di vendita.

Report sugli ETF Bitcoin Spot “fuori controllo”

Jihan Wu, fondatore di Bitdeer e Matrixport, ha dichiarato che la diffusione del report sull’ETF di Bitcoin era fuori dal controllo di Matrixport.

Il report prevedeva che le proposte di ETF sul Bitcoin non sarebbero state approvate dalla Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti nel mese di gennaio.

I ricercatori di Matrixport hanno sottolineato la leadership dominata dai democratici nella SEC e le riserve del presidente Gensler verso le criptovalute come motivo per la probabile mancata approvazione.

Wu ha sottolineato in un tweet l’indipendenza degli analisti di Matrixport, sostenendo che il calo del prezzo di BTC non fosse legato al report, ma piuttosto alle alte commissioni di finanziamento nei mercati perpetui di Bitcoin e al recente calo dei titoli azionari legati alle criptovalute.

“Come previsto, questo recente rapporto è stato preparato per i clienti di Matrixport. Tuttavia, la sua ampia diffusione da parte dei media non è stata pianificata da Matrixport ed è fuori dal nostro controllo”.

Jihan Wu ha anche sottolineato quelle che a suo avvisono sono state le cause scatenanti il crollo di ieri:

“Per quanto ne so, Matrixport ha sempre consigliato ai propri clienti di prestare attenzione ai rischi e alla leva finanziaria, soprattutto in considerazione della volatilità del mercato stimolata dalle aspettative sugli Exchange-Traded Funds (ETF). Questa volatilità è evidente nelle elevate commissioni di finanziamento del mercato perpetuo e nel recente calo dei titoli legati alle criptovalute nel mercato azionario negli ultimi due giorni di negoziazione prima di oggi.

Il suo lungo post su Twitter si conclude con una previsione rosea per il futuro di Bitcoin e per l’approvazione degli ETF spot, descritta come “inevitabile”

“Nel lungo termine, Bitcoin prevarrà sempre. A mio avviso, l’approvazione di un ETF Spot da parte della SEC, che attirerà nuovi investimenti in Bitcoin, è inevitabile. Bitcoin è pronto a consolidare la sua posizione di riserva di valore e di asset di copertura del rischio, meglio dell’oro”.

Perché il report di Matrixport è stato sopravvalutato

Il giorno dopo i fatti di ieri, quello che è emerso è che al report di Matrixport è stata data probabilmente fin troppa importanza. Del resto, come ammette anche lo stesso Jihan Wu in un tweet, Matrixport è solo una piccola azienda in Asia, che non ha contatti diretti con chi, negli Stati Uniti, sta decidendo il futuro degli ETF Spot:

“Matrixport, una piccola azienda privata con sede in Asia, si trova a una distanza considerevole da New York, con un volo di 17 ore e 55 minuti. Non riceviamo informazioni privilegiate dalle autorità di regolamentazione statunitensi. Per quanto ne so, gli analisti di Matrixport basano i loro rapporti su informazioni pubblicamente disponibili. Non è realistico credere che un rapporto di Matrixport possa innescare il crollo di un mercato da mille miliardi di dollari. Se qualcuno attribuisce un flash crash al nostro rapporto, suggerisco di esaminare più da vicino le competenze degli analisti”. 

Una considerazione che sembra una risposta all’analista di Bloomberg Eric Balchunas che aveva proprio sollevato il dubbio se esistessero fonti dirette che facessero sostenere a Matrixport che la SEC stia per rifiutare l’approvazione degli ETF spot. Perché evidentemente ai giornalisti di Bloomberg risulta ben altro.

Un crollo “tecnico”

In realtà il crollo di Bitcoin di ieri è più da attribuire a ragioni di mercato che non a un report proveniente dall’Asia. Come spietato anche nell’analisi tecnica di TradingON il mercato si trovava fin troppo sbilanciato sulle posizioni long. Le liquidazioni di ieri hanno riportato un maggiore equilibrio. 

Intanto, al momento della scrittura di questo articolo Bitcoin si mostra stabile sopra i 43.000 dollari. 

HOT TOPIC

Articoli correlati

⚠️ Solo per pochi giorni ⚠️

L'Academy apre le sue porte.
Entra ora e preparati a cavalcare la prossima Bullrun con noi!