Detenere Bitcoin è ora redditizio per il 99,92% dei giorni

I Bitcoin acquistati tra il 9 e il 13 marzo e tra il 25 e il 29 marzo sono attualmente in perdita, pari allo 0,16%, ovvero solo sei giorni degli ultimi 3.732 giorni di negoziazione non si sono rivelati redditizi.
Bitcoin redditizio
Indice

Gli investitori in Bitcoin hanno mantenuto un wallet redditizio per il 99,92% di tutti i giorni, lasciando solo sei giorni in cui investire in Bitcoin non si è rivelato redditizio da quando è stato lanciato, oltre 14 anni fa, il 3 gennaio 2009.

Recentemente, a metà marzo, Bitcoin ha toccato il massimo storico di 73.600 dollari, facendo sì che i possessori di BTC, a tutti i livelli di prezzo, vedessero i loro investimenti apprezzarsi.

Da allora, Bitcoin ha continuato a mantenere un prezzo vicino alla fascia di 68.000-70.000 dollari, secondo i dati di Cointelegraph Markets Pro e TradingView.

Grafico del prezzo del Bitcoin (BTC/USD) da febbraio 2024 a oggi.
Grafico del prezzo del Bitcoin (BTC/USD) da febbraio 2024 a oggi. Fonte: TradingView

Come risultato delle fluttuazioni di prezzo indotte dalla volatilità del mercato, solo una manciata di operatori di Bitcoin rimane non redditizia. Secondo la società di servizi finanziari di criptovalute Blockchain.com, i Bitcoin acquistati tra il 9 e il 13 marzo e tra il 25 e il 29 marzo sono attualmente in perdita.

In altre parole, lo 0,16% o sei giorni degli ultimi 3.732 giorni di negoziazione non si sono rivelati un investimento redditizio.

Numero di giorni in cui la detenzione di bitcoin è stata redditizia, rispetto al prezzo attuale.
Numero di giorni in cui la detenzione di Bitcoin è stata redditizia, rispetto al prezzo attuale. Fonte: blockchain.com

Zoomando verso l’esterno, il grafico dei prezzi conferma l’importanza strategica di detenere Bitcoin durante i mercati ribassisti. CoinMarketCap stima che l’86,28% di tutti i wallet Bitcoin detengono fino a 1.000 dollari, il 13,03% detiene una somma compresa tra 1.000 e 10.000 dollari e lo 0,69% detiene 100.000 dollari in Bitcoin.

Inoltre, le consistenti rimonte del Bitcoin dai mercati ribassisti e il conseguente mantenimento dei prezzi consentono alla comunità dei miner di prosperare, di contribuire al tasso di hash e di aumentare involontariamente la sicurezza della rete Bitcoin.

Con l’avvicinarsi dell’evento di halving di Bitcoin, le istituzioni e gli investitori privati stanno accumulando BTC, anticipando un’impennata dei prezzi.

Il quarto halving di Bitcoin dovrebbe iniziare all’altezza del blocco 840.000, previsto per il 20 aprile 2024.

La comunità dei miner sta anche studiando un piano per rimanere redditizia dopo l’halving di Bitcoin, nonostante le ricompense siano state dimezzate a 3,125 BTC.

L’azienda canadese di mining di Bitcoin Bitfarms ha promesso quasi 240 milioni di dollari per aggiornare la sua flotta di attrezzature di mining.

Parlando con Cointelegraph, il direttore finanziario di Bitfarms, Jeffrey Lucas, ha spiegato le ragioni dell’aggiornamento del parco macchine:

“L’aggiornamento della flotta trasforma Bitfarms in scala e redditività nel contesto dell’halving di Bitcoin. Si tratta di un cambiamento di gioco che triplica il nostro tasso di hash a 21 EH/s, aumenta la nostra capacità operativa mirata dell’83% a 440 megawatt (MW) e migliora l’efficienza della flotta del 40% a 21 c/TH”.

Fonte: Cointelegraph

HOT TOPIC

Articoli correlati

Giorni :
Ore :
Minuti :
Secondi

— Elimina la confusione —
— diventa un vero trader —

Risparmia 547€
Sul Corso Basic 2.0

⚠️ Solo per pochi giorni ⚠️

L'Academy apre le sue porte.
Entra ora e preparati a cavalcare la prossima Bullrun con noi!