Craig Wright ha mentito alla Corte del Regno Unito “ampiamente e ripetutamente”, scrive il giudice

Il giudice James Mellor ha pubblicato lunedì la sua sentenza scritta sul caso Crypto Open Patent Alliance contro Craig Wright.
Craig Wright
Indice

Craig Wright ha mentito “ampiamente e ripetutamente” sia nelle sue prove scritte che in quelle orali nel caso Crypto Open Patent Alliance riguardo alla sua affermazione di essere Satoshi Nakamoto, ha dichiarato il giudice James Mellor nella sua sentenza scritta di lunedì.

A marzo Mellor aveva concluso che Wright non era Nakamoto, lo pseudonimo inventore di Bitcoin, e che non era l’autore del documento fondamentale della criptovaluta noto come white paper.

Sebbene la sentenza possa essere impugnata, la dichiarazione definitiva di Mellor a seguito del processo durato un mese è stata motivo di festa per l’intero settore delle criptovalute, che da tempo critica e subisce le battaglie legali di Wright contro i membri della comunità.

Il dottor Wright non è la persona che ha adottato o operato con lo pseudonimo di Satoshi Nakamoto nel periodo 2008-2011. In terzo luogo, il dottor Wright non è la persona che ha creato il sistema Bitcoin. E, quarto, non è l’autore delle versioni iniziali del software Bitcoin“, ha dichiarato Mellor dopo che entrambe le parti del processo hanno presentato le loro prove.

La Crypto Open Patent Alliance (COPA), la cui missione dichiarata è proteggere l’adozione delle criptovalute e combattere le minacce contro la nuova tecnologia, ha presentato istanza per portare Wright in tribunale nel 2021. Il processo è iniziato il 5 febbraio e la COPA ha accusato Wright di falsificazione e, successivamente, di falsa testimonianza.

“Sono del tutto convinto che il dottor Wright abbia mentito ampiamente e ripetutamente alla Corte”, ha dichiarato Mellor. “La maggior parte delle sue bugie riguardava i documenti che aveva falsificato e che pretendevano di supportare le sue affermazioni”.

Il COPA, i cui sostenitori includono il fondatore di Twitter Jack Dorsey e l’exchange di criptovalute Coinbase (COIN), ha dichiarato che chiederà diverse ingiunzioni per impedire a Wright di affermare di essere Nakamoto e di portare nuovamente in tribunale gli sviluppatori di Bitcoin.

Ha inoltre dichiarato che potrebbe chiedere ai procuratori del Regno Unito di prendere in considerazione l’accusa di falsa testimonianza nei confronti di Wright per le dichiarazioni rilasciate durante il processo.

A marzo, Mellor ha imposto un ordine di congelamento a livello mondiale su 6 milioni di sterline britanniche (7,6 milioni di dollari) di beni di Wright per garantire che non potesse spostarli all’estero o eludere i costi del processo COPA. Secondo l’ordine, i costi del COPA per il caso ammontavano a 6,7 milioni di sterline all’epoca.

Fonte: Coindesk

HOT TOPIC

Articoli correlati

Giorni :
Ore :
Minuti :
Secondi

— Elimina la confusione —
— diventa un vero trader —

Risparmia 547€
Sul Corso Basic 2.0

⚠️ Solo per pochi giorni ⚠️

L'Academy apre le sue porte.
Entra ora e preparati a cavalcare la prossima Bullrun con noi!