Le commissioni per gli ETF Bitcoin rivelate: basse per BlackRock, Grayscale resta alto

BlackRock, Bitwise, Franklin Templeton, VanEck e Ark Invest attualmente battono Fidelity sul prezzo previsto per i loro fondi
Commissioni Bitcoin ETF
Indice

Alcuni dei gruppi di fondi che ambiscono a lanciare ETF Bitcoin spot hanno rivelato le commissioni pianificate che andrebbero a tagliare le fee basse già annunciate da Fidelity, il tutto mentre si avvicina un possibile approvazione e una guerra delle tariffe.

Tuttavia, il prezzo attuale per il prodotto proposto da Grayscale Investments rimane molto più alto.

Il gigante dei servizi finanziari Fidelity aveva proposto una commissione dello 0,39% (sul valore netto degli asset dell’ETF) per il suo previsto ETF Bitcoin spot, secondo quanto riferito il 29 dicembre – il più economico in quel momento.

Tuttavia, fondi simili di BlackRock, Bitwise, VanEck e Franklin Templeton, così come uno di Ark e 21Shares, batterebbero questa commissione, secondo quanto riportato lunedì.

BlackRock, il più grande gestore di asset al mondo, prevede di addebitare lo 0,20% (20 punti base) per i primi 5 miliardi di dollari degli asset del iShares Bitcoin Trust, e 30 punti base dopo.

Bitwise intende addebitare 24 punti base, con una rinuncia alla commissione di sei mesi sui primi 1 miliardo di dollari di asset del trust. Ark Invest e 21Shares prevedono di offrire una commissione di 25 punti base, con una rinuncia iniziale simile in atto.

Anche VanEck e Franklin Templeton battono il prezzo pianificato di Fidelity a 25 punti base e 29 punti base, rispettivamente, secondo quanto mostra la presentazione di lunedì – anche se le aziende attualmente non prevedono di rinunciare a nessuna commissione.

Nel frattempo, Grayscale Investments sta cercando di convertire il suo Bitcoin Trust (GBTC) in un ETF. GBTC, lanciato nel 2013 e con circa 27 miliardi di dollari di asset sotto gestione, attualmente addebita una commissione annuale del 2%. Grayscale ha proposto di abbassarla all’1,5%, come indica una divulgazione di lunedì.

Una commissione del genere potrebbe non essere attraente per gli investitori, dato il livello in cui i concorrenti intendono posizionarsi, ha detto l’analista di Bloomberg Intelligence Eric Balchunas in un post di lunedì X.

Oltre alle tariffe pianificate svelate lunedì, WisdomTree ha dichiarato in una presentazione precedente di voler addebitare lo 0,50%. Un fondo proposto da Invesco e Galaxy Digital addebiterà lo 0,59% (con una rinuncia di sei mesi), mentre Valkyrie ha indicato una commissione per il suo fondo ad 80 punti base.

“Tenete presente che questo non è definitivo, quindi non sarei sorpreso di vederli scendere ulteriormente”, ha aggiunto il collega analista di Bloomberg Intelligence James Seyffart sulla commissione di GBTC in un post X separato.

Questi dettagli arrivano dopo che varie borse che listerebbero tali fondi hanno presentato documenti emendati venerdì come parte degli ultimi passaggi prima di una potenziale approvazione.

La Securities and Exchange Commission ha tempo fino al 10 gennaio per decidere sull’ETF Bitcoin proposto da Ark e 21Shares, e gli osservatori del settore hanno detto che si aspettano che il regolatore offra un giudizio su molte o tutte le altre proposte simili nello stesso momento.

L’approvazione di fondi che detengono direttamente Bitcoin segnerebbe una pietra miliare importante, poiché le società di fondi hanno tentato di lanciare tali prodotti per un decennio. La SEC ha bloccato i vari tentativi e potrebbe farlo di nuovo.

Tuttavia, un certo numero di osservatori del settore e dirigenti hanno espresso ottimismo per l’approvazione questa volta, dati l’entrata di BlackRock nella corsa, la vittoria in tribunale di Grayscale contro la SEC ad agosto e altri fattori.

Prima che gli emittenti possano essere autorizzati a lanciare tali fondi, la SEC dovrebbe approvare i documenti presentati dalle borse — noti come 19b-4 — e ritenere efficaci le cosiddette dichiarazioni di registrazione S-1 o S-3 degli emittenti dei fondi.

Scott Johnsson, partner di Van Buren Capital, ha detto di credere che se l’approvazione dovesse arrivare entro il 10 gennaio, gli ETF Bitcoin spot potrebbero iniziare a essere scambiati la prossima settimana.

La SEC ha approvato gli ETF che detengono futures su Bitcoin nell’ottobre 2021. Il primo e più grande fondo di questo tipo, il ProShares Bitcoin Strategy ETF (BITO), addebita una commissione di 95 punti base.

Hashdex, con sede in Brasile, che aveva presentato l’anno scorso una domanda per convertire il suo ETF su futures Bitcoin in un fondo che detenesse anche BTC direttamente, non ha presentato una documentazione emendata entro le 9 a.m. ET di lunedì.

L’Hashdex Bitcoin Futures ETF (DEFI) attualmente ha un rapporto di spesa di 90 punti base.

Fonte: BlockWorks

HOT TOPIC

Articoli correlati

Giorni :
Ore :
Minuti :
Secondi

— Elimina la confusione —
— diventa un vero trader —

Risparmia 547€
Sul Corso Basic 2.0

⚠️ Solo per pochi giorni ⚠️

L'Academy apre le sue porte.
Entra ora e preparati a cavalcare la prossima Bullrun con noi!