I capitali che confluiranno negli ETF Spot su Bitcoin

I pareri contrapposti di JPMorgan e Arthur Hayes.
Capitali ETF Bitcoin
Indice

Secondo JPMorgan sugli ETF Spot su Bitcoin affluiranno circa 36 miliardi di dollari da altri prodotti crypto.

L’analisi di JP Morgan sui flussi negli ETF Bitcoin Spot

J.P. Morgan ha rilasciato un report che prevede un considerevole afflusso di capitali da altri prodotti crypto verso i nuovi ETF Bitcoin Spot. Secondo questa analisi, gli ETF potrebbero attirare fino a 36 miliardi di dollari.

Tuttavia, l’ipotesi dell’istitutito di credito è che non si tratterà di capitali nuovi, “freschi”, per così dire, bensì di una sorta di rotazione.

JP Morgan prevede che almeno 3 miliardi di dollari possano uscire dal GBTC e migrare verso i nuovi ETF Spot, a seguito della vendita di azioni GBTC acquistate a prezzo scontato sul mercato secondario nell’ultimo anno. Del resto l’ETF di Grayscale è noto per essere quello con le commissioni più alte, quindi non è improbabile che gli investitori scelgano gestori più convenienti. 

Inoltre, fino a 20 miliardi di dollari potrebbero invece migrare da wallet digitali detenuti presso exchange di criptovalute ai nuovi ETF.

Infine, altri capitali potrebbero confluire da investitori finora posizionati sugli ETF sui future in criptovalute. 

L’analisi contrapposta di Arthur Hayes

Non la vede in questo modo Arthur Hayes, ex CEO di BitMEX e CIO di Maelstrom, che ritiene che gli ETF su Bitcoin possano attirare miliardi di dollari dai mercati finanziari tradizionali (TradFi), offrendo nuove opportunità di trading basate su arbitraggio, opzioni e finanziamenti.

Secondo un suo post, gli ETF sul Bitcoin, quotati in borsa, potrebbero offrire nuove opportunità di trading a causa delle fluttuazioni dei prezzi tra i benchmark statunitensi e il resto del mondo, creando possibilità di profitto dall’arbitraggio.

Hayes prevede che prodotti ETF spot emergano nei principali mercati asiatici, come Hong Kong, che influenzano il flusso di capitali dalla Cina. Questo potrebbe creare ulteriori inefficienze di mercato e opportunità di profitto.

Nella sua opinione, l’ETF su Bitcoin potrebbe catturare capitali in fuga dai mercati obbligazionari, mantenendo i fondi all’interno del sistema finanziario tradizionale.

Nonostante le sfide iniziali, Hayes è ottimista sul futuro dei volumi di trading degli ETF su Bitcoin e sul loro impatto a lungo termine sul mercato.

Si spinge a concludere così: 

“Il mercato rialzista è appena iniziato. Il 2024 sarà un anno instabile per quanto riguarda l’azione dei prezzi, ma mi aspetto comunque che entro la fine dell’anno saremo pari o superiori al massimo storico nella capitalizzazione di mercato di Bitcoin e dell’intero complesso crypto.”

HOT TOPIC

Articoli correlati

⚠️ Solo per pochi giorni ⚠️

L'Academy apre le sue porte.
Entra ora e preparati a cavalcare la prossima Bullrun con noi!