Boom di Bitcoin: 7,3 milioni di nuovi indirizzi BTC aggiunti nel primo semestre 2024

Secondo una ricerca divulgata da Finbold nel corso del primo semestre 2024 sono oltre 7,3 milioni i nuovi indirizzi BTC.
Indice

Con l’avvicinarsi della fine della prima metà del 2024, il pieno impatto del bull market delle criptovalute sta diventando sempre più evidente.

Infatti, dopo che il mercato delle criptovalute ha attraversato un lungo periodo di pressione caratterizzato da prezzi al ribasso e da un elevato controllo normativo, le false voci sull’approvazione di un exchange-traded fund (ETF) di asset digitali nell’ottobre del 2023 hanno dato il via alla loro ripresa – una ripresa che si è rafforzata solo con gli ETF di Bitcoin (BTC), approvati negli Stati Uniti nel gennaio del 2024.

La ricerca Finbold ha rivelato che, entro l’11 giugno 2024, il rally ha generato un significativo picco di interesse, che ha portato a un importante aumento del numero di indirizzi in possesso di BTC.

In effetti, al momento della pubblicazione, quasi 85 milioni di indirizzi detenevano almeno 1 dollaro di Bitcoin, ovvero circa 1.400 Satoshi.

Le istantanee storiche, rese disponibili attraverso l’uso dello strumento di archiviazione web Wayback Machine, rivelano che il 4 gennaio – la prima data disponibile del 2024 – il numero totale di tali indirizzi era di circa 77,5 milioni.

La giustapposizione dei due dati rivela che, in poco meno di sei mesi, sono stati aggiunti ben 7,3 milioni di nuovi indirizzi Bitcoin – 1,2 milioni ogni mese e 46.000 ogni giorno, per un aumento totale del 9,51%.

Anche il numero di milionari di BTC – indirizzi che detengono più di un milione di dollari di criptovaluta – è aumentato in modo sostanziale.

Durante la prima metà del 2024, il numero è salito di quasi 30.000 unità, passando da 96.736 a 126.733.

Tuttavia, l’aumento del numero di milionari di Bitcoin nel 2024 rivela un fenomeno interessante.

Una ricerca condotta da Finbold nel corso del 2023 dimostra che il numero di tali possessori di BTC è cresciuto di 70.000 unità nel periodo di 12 mesi. Inoltre, i dati analizzati e pubblicati nell’aprile 2023 dimostrano che il numero di milionari di Bitcoin è aumentato di oltre 50.000 unità nel primo trimestre dell’anno.

Considerando le tendenze attuali, il 2024 dovrebbe aggiungere circa 10.000 milionari BTC in meno rispetto al 2023, nonostante l’entusiasmo e il volume significativi generati dal mercato toro.

Contemporaneamente, il 2023 ha visto l’aggiunta di circa 23 milioni di nuovi indirizzi Bitcoin che detengono almeno. 1 dollaro di criptovaluta.

Al ritmo osservato nella prima metà, il 2024 aggiungerà solo il 60% circa di tali indirizzi rispetto all’anno precedente.

I trader stanno abbandonando Bitcoin a causa della stagnazione del prezzo?

Una possibile spiegazione del fenomeno è che la prima metà del 2023 ha offerto un periodo di crescita più lungo per Bitcoin a un prezzo probabilmente più interessante, dato che la prima criptovaluta al mondo si stava riprendendo da un lungo periodo di trading vicino ai 15.000 dollari.

In effetti, sebbene BTC sia salito solo a circa 30.000 dollari in quel lasso di tempo, l’ascesa è stata più costante e continua.

In confronto, l’aumento del 2024 è stato più sbalorditivo e più breve. Il 13 marzo, prima della fine del primo trimestre, Bitcoin ha raggiunto un nuovo massimo storico di 73.084 dollari, e da allora è stato per lo più scambiato lateralmente in un intervallo approssimativo tra 67.000 e 71.000 dollari.

Un forte movimento in una delle due direzioni potrebbe riaccendere l’impennata del numero di indirizzi di detentori di Bitcoin.

Un breakout rialzista confermerebbe che BTC non ha ancora raggiunto il suo pieno potenziale nel 2024, mentre un crollo dei prezzi creerebbe un’allettante opportunità di acquisto per gli investitori.

A rafforzare l’idea è il fatto che il numero totale di tali indirizzi è rimasto sostanzialmente stabile tra il 22 maggio e l’11 giugno, mentre il numero di milionari di BTC è sceso di circa 2.000 unità.

Vale la pena notare, tuttavia, che un singolo utente può avere più indirizzi, il che significa che l’aumento del numero totale di indirizzi non corrisponde necessariamente al numero totale di trader.

Allo stesso tempo, l’approvazione di gennaio degli ETF su BTC negli Stati Uniti potrebbe aver invertito la logica e potrebbe anche spiegare la crescita relativamente lenta rispetto al 2023.

Le grandi istituzioni finanziarie che gestiscono i fondi – come BlackRock – possono detenere grandi quantità di BTC associate a numerosi investitori in un unico indirizzo.

Fonte: Finbold

HOT TOPIC

Articoli correlati

Giorni :
Ore :
Minuti :
Secondi

— Elimina la confusione —
— diventa un vero trader —

Risparmia 547€
Sul Corso Basic 2.0

⚠️ Solo per pochi giorni ⚠️

L'Academy apre le sue porte.
Entra ora e preparati a cavalcare la prossima Bullrun con noi!