Bitcoin si mantiene sopra i $40K in vista del PIL statunitense e della scadenza di opzioni crypto da $5,8 miliardi

I trader hanno ridimensionato le scommesse su un taglio aggressivo dei tassi da parte della Federal Reserve in vista del rapporto sul PIL degli Stati Uniti.
Bitcoin opzioni
Indice

Bitcoin (BTC) ha tentato di stabilire un punto d’appoggio al di sopra dei 40.000 dollari durante le ore di trading europee di giovedì, con l’indice del dollaro che è rimasto piatto in vista degli attesissimi dati sul prodotto interno lordo (PIL) del quarto trimestre degli Stati Uniti.

Alle 09:38 UTC, la criptovaluta leader per valore di mercato è passata di mano a 40.100 dollari, dopo aver testato la domanda di ribasso vicino a 38.500 dollari all’inizio della settimana. L’indice del dollaro, che misura il valore del biglietto verde nei confronti delle principali valute, si è consolidato vicino a 103,70, in calo rispetto ai massimi di 103,82 raggiunti lunedì.

Gli operatori hanno riconsiderato le prospettive di un taglio anticipato dei tassi da parte della Fed a causa della crisi inflazionistica in corso nel Mar Rosso. Secondo i futures sui Fed funds, gli operatori vedono ora il 50% di possibilità di un taglio dei tassi della Fed a marzo, in calo rispetto all’80% di un mese fa.

Ulteriori aggiustamenti potrebbero verificarsi nel corso della giornata, dopo la pubblicazione del PIL statunitense alle 13:30 UTC. Secondo la CNBC, i dati dovrebbero mostrare il PIL della più grande economia mondiale a un ritmo annualizzato destagionalizzato del 2% negli ultimi tre mesi del 2023, in calo rispetto al 4,9% del terzo trimestre e la lettura più bassa dal secondo trimestre del 2022.

Focus sulla scadenza

Venerdì alle 08:00 UTC scadranno opzioni su Bitcoin per un valore di 3,75 miliardi di dollari e opzioni su Ether per un valore di 2,07 miliardi di dollari su Deribit, la più grande piattaforma di opzioni su criptovalute al mondo, che rappresenta oltre l’85% dell’attività globale.

“Mentre ci avviciniamo alla scadenza delle opzioni di domani, è chiaro che il mercato si sta riprendendo costantemente dagli shock iniziali dell’introduzione dell’ETF e della liquidazione di GBTC. In particolare, lo skew call-put è aumentato rispetto al minimo precedente, indicando un cambiamento nel sentiment del mercato”, ha dichiarato Luuk Strijers, Chief Commercial Officer di Deribit.

Strijers ha dichiarato che i trader hanno anticipato le loro posizioni dai contratti con scadenza gennaio a quelli con scadenza febbraio.

I dati mostrano che il punto di sofferenza massimo per le opzioni di Bitcoin con scadenza gennaio è di 41.000 dollari, mentre quello di Ether è di 2.300 dollari. Il punto di massima sofferenza è il livello al quale gli acquirenti di opzioni rischiano di perdere di più alla scadenza. La teoria dei mercati tradizionali prevede che i venditori di opzioni, di solito istituzioni con un’ampia disponibilità di capitale, cerchino di spostare il mercato spot sottostante più vicino al max pain point prima della scadenza per infliggere il massimo danno agli acquirenti.

Fonte: Coindesk

HOT TOPIC

Articoli correlati

⚠️ Solo per pochi giorni ⚠️

L'Academy apre le sue porte.
Entra ora e preparati a cavalcare la prossima Bullrun con noi!