Arthur Hayes è ribassista sull’halving di Bitcoin: ecco perché

Il cofondatore ed ex CEO di BitMEX ha dichiarato di aspettarsi che l'halving di Bitcoin "aggiungerà propellente a un'impetuosa vendita di criptovalute".
halving di Bitcoin
Indice

Il miliardario Bitcoin Arthur Hayes prevede che gli asset rischiosi, come le criptovalute, avranno vita difficile fino a maggio. Ciò significa che il mercato potrebbe subire un crollo dei prezzi, anziché un’impennata, in seguito all’halving di BTC.

“La narrativa secondo cui l’halving sarebbe positivo per i prezzi delle criptovalute è ben radicata. Quando la maggior parte dei partecipanti al mercato è d’accordo su un certo risultato, di solito si verifica il contrario”, ha scritto il cofondatore ed ex CEO di BitMEX nel suo ultimo saggio. “Ecco perché credo che i prezzi di Bitcoin e delle criptovalute in generale crolleranno in prossimità dell’halving”.

L’halving di Bitcoin è un evento regolarmente programmato che riduce il tasso di afflusso di nuovi BTC sul mercato attraverso le ricompense dei minatori. Il prossimo halving, che ridurrà la ricompensa dei minatori da 6,25 a 3,125 BTC, sarà il quarto mai avvenuto dal lancio del Bitcoin nel 2009.

Di solito questo richiamo periodico alla scarsità del Bitcoin provoca un aumento del prezzo di BTC e del resto del mercato delle criptovalute. Questa volta, però, Hayes spiega che la liquidità del dollaro americano potrebbe ritardare la pompa post-salvataggio che la maggior parte dei trader si aspetta.

Spiega poi che la liquidità del dollaro è stata influenzata dai pagamenti delle tasse statunitensi, dal programma di Quantitative Tightening (QT) in corso da parte della Federal Reserve e dal saldo del Treasury General Account (TGA). L’insieme di queste forze macroeconomiche ha ridotto la liquidità del dollaro sul mercato, con un impatto sui prezzi degli asset e sulle strategie di trading.

Quindi, invece di innescare un rally, Hayes prevede che il prossimo halving di Bitcoin potrebbe “aggiungere propellente a un’impetuosa vendita di criptovalute“.

Per questo motivo, si tiene fuori dal mercato fino a quando le cose non si calmano a maggio. Ha spiegato di aver venduto Solana (SOL), la meme coin cat in a dogs world (MEW) e NetMind Chain utility coin NetMind Token (NMT).

Il ricavato è stato investito in USDe di Ethena e messo in staking per ottenere un rendimento elevato“, scrive. “Prima di Ethena, avrei detenuto USDT o USDC e non avrei guadagnato nulla, mentre Tether e Circle avrebbero catturato l’intero rendimento del T-bill“.

USDe di Ethena è un “protocollo del dollaro sintetico” che genera rendimenti da una combinazione di premi di Ethereum e di posizioni in derivati di copertura. Ma gli alti rendimenti hanno attirato paragoni con la stablecoin TerraUSD di Terra, che notoriamente ha spazzato via 11 miliardi di dollari quando è crollata nel 2022.

Al momento in cui scriviamo, il rendimento di USDe è del 37,1%, secondo la homepage di Ethena. Ma c’è una cosa che Hayes ha detto che non farà durante il periodo di inattività: fare operazioni di shorting sul mercato.

Da oggi al 1° maggio sarò in una zona di non trading“, ha scritto. “Spero di tornare a maggio con la liquidità pronta da distribuire per posizionarmi in vista dell’inizio del mercato toro“.

Fonte: Decrypt

HOT TOPIC

Articoli correlati

Giorni :
Ore :
Minuti :
Secondi

— Elimina la confusione —
— diventa un vero trader —

Risparmia 547€
Sul Corso Basic 2.0

⚠️ Solo per pochi giorni ⚠️

L'Academy apre le sue porte.
Entra ora e preparati a cavalcare la prossima Bullrun con noi!