Come comprare ETF Bitcoin in Italia

Tutto quello che bisogna sapere per investire in ETF Bitcoin in Italia: prodotti e piattaforme.
comprare ETF Bitcoin
Indice

In questo articolo, esploreremo le modalità e le piattaforme migliori per comprare ETF Bitcoin in Italia. 

Scopriremo come approfittare delle opportunità offerte da questa forma di investimento in criptovaluta, evidenziando i vantaggi e le strategie ottimali per gli investitori italiani.

I broker dove acquistare ETF Bitcoin

Per investire in ETF su Bitcoin, gli investitori hanno diverse opzioni a seconda del tipo di prodotto che desiderano acquistare (ETP, ETN o ETF) e della loro localizzazione geografica.

Investire in ETP o ETN Bitcoin quotati in Europa

Broker come Degiro e Fineco offrono la possibilità di investire in ETP o ETN quotati sulle borse europee. 

Questi strumenti finanziari, come l’ETC Group Physical Bitcoin di cui parleremo tra poco, sono accessibili attraverso queste piattaforme di trading e permettono agli investitori europei di guadagnare esposizione al Bitcoin senza acquistare direttamente la criptovaluta.

Gli investitori possono aprire un conto con questi broker, depositare fondi e poi cercare e contrattare gli ETP o gli ETN disponibili sulle borse europee.

ETP Bitcoin su Fineco

Investire in ETF Bitcoin Spot quotati negli Stati Uniti

Per gli investitori interessati agli ETF Bitcoin Spot approvati negli Stati Uniti, la situazione è del tutto diversa. Poiché questi ETF sono quotati sulle borse statunitensi, non tutti i broker europei offrono l’accesso a questi prodotti.

Piattaforme come Interactive Brokers o Fineco, hanno tra i loro asset gli ETF Bitcoin Spot, ma questi sono accessibili solo agli investitori professionali. In pratica, non basta aprire un account su questi broker per poter investire in ETF Bitcoin Spot. Bisogna superare il questionario Mifid e dimostrare i requisiti richiesti da ogni piattaforma per poter avere accesso ad un account professionale che consente anche l’esposizione in ETF.

In entrambi i casi, è importante per gli investitori fare ricerche approfondite e considerare i rischi associati all’investimento in prodotti basati su criptovalute. 

Inoltre, è consigliabile consultare un consulente finanziario per comprendere meglio come questi investimenti si adattano alla propria strategia di investimento personale e agli obiettivi a lungo termine.

Impara le basi del trading, scopri le migliori piattaforme per analizzare e operare, e comprendi le differenze tra trading e holding per prendere decisioni consapevoli.

Cosa sono gli ETF Bitcoin

Gli ETF Bitcoin rappresentano una svolta significativa nel mondo degli investimenti finanziari. Un ETF, o Exchange Traded Fund, è un fondo che replica l’andamento di un indice o di un bene, come in questo caso Bitcoin, permettendo agli investitori di acquistare azioni del fondo anziché direttamente la criptovaluta. Questa modalità di investimento offre una maggiore facilità di accesso e minori rischi di volatilità rispetto all’acquisto diretto di Bitcoin. 

Recentemente, negli Stati Uniti sono stati approvati i primi ETF su Bitcoin, segnando un momento storico per gli investimenti in criptovalute.

In Europa, sebbene non sia ancora disponibile un ETF Bitcoin identico a quello statunitense, esistono strumenti finanziari analoghi che offrono opportunità simili. 

Questi strumenti, che analizzeremo a breve, permettono agli investitori del Vecchio Continente di partecipare attivamente al mercato delle criptovalute, diversificando così il loro portafoglio di investimenti.

ETF Bitcoin in Europa

In Europa, gli investitori hanno a disposizione diversi strumenti finanziari che offrono esposizione al Bitcoin, sebbene non siano esattamente ETF come quelli recentemente approvati negli Stati Uniti.

Tuttavia, esistono prodotti simili noti come ETP (Exchange Traded Products), che fungono da alternative agli ETF su Bitcoin.

Tra gli ETP disponibili sul mercato europeo, alcuni esempi notevoli includono:

  • ETC Group Physical Bitcoin (EUR) ETF (DE000A27Z304)
  • WisdomTree Physical Bitcoin (EUR) ETF (GB00BJYDH287) 
  • 21Shares Bitcoin ETP (EUR) ETF (CH0454664001) 
  • 21Shares Bitcoin Core ETP (EUR) ETF (CH1199067674)

Questi strumenti forniscono un modo per gli investitori europei di accedere al mercato del Bitcoin senza la necessità di acquistare direttamente la criptovaluta, offrendo così un’alternativa più accessibile ma non per questo meno volatile. 

È importante notare che, sebbene gli ETF su Bitcoin potrebbero non essere ancora disponibili in Europa nel formato tradizionale, questi ETP rappresentano una valida opzione alternativa per gli investitori interessati a questo tipo di asset.

Il totale di AUM (Asset Under Management) così come rilevato da Morning Star mostra quanto queste opzioni di investimento siano apprezzate dai trade. 

ETP Bitcoin in Europa

Prendiamo l’ETC con il più alto AUM. L’ETC Group Physical Bitcoin è stato lanciato l’8 giugno 2020. Questo ETP (Exchange Traded Product) è progettato per tracciare il prezzo del Bitcoin ed è supportato fisicamente al 100% da Bitcoin. È noto per essere il primo Bitcoin ETC al mondo ad essere liquidato centralmente, il che fornisce agli investitori uno dei modi più sicuri e liquidi per ottenere esposizione al Bitcoin. 

Ogni unità di BTCE dà al detentore un diritto su una quantità predefinita di Bitcoin. BTCE è emesso da ETC Group e commercializzato e distribuito da HANetf. L’ETP è quotato e scambiato sulla Deutsche Börse’s XETRA e sulla Swiss Exchange. 

Differenza tra ETF, ETN, ETC, ETP

Finora abbiamo distinto tra ETP in Europa ed ETF negli Stati Uniti. Ma perché questa differenza? 

Ecco cosa significano questi acronimi e come si differenziano ETP, ETC ed ETN dagli ETF, come l’ETF Bitcoin Spot approvato negli Stati Uniti:

  • ETP (Exchange Traded Product). ETP è un termine ombrello che include una varietà di veicoli di investimento scambiati in borsa, come ETF, ETN, e ETC. Gli ETP forniscono un modo facile e conveniente per gli investitori di accedere a un’ampia gamma di asset e strategie di investimento.
  • ETN (Exchange Traded Note). Un ETN è un tipo di titolo di debito non garantito che traccia un indice sottostante. Gli ETN sono simili ai bond, ma non pagano un tasso di interesse periodico. Invece, il valore di un ETN è basato sul rendimento di un indice sottostante tra la data di emissione e la data di scadenza. Gli ETN sono spesso usati per accedere a asset difficili da detenere direttamente, come le criptovalute.
  • ETC (Exchange Traded Commodity). Gli ETC sono prodotti simili agli ETF ma sono specificamente orientati verso commodities o asset fisici, come metalli preziosi o energia. Gli ETC possono essere sia fisicamente supportati (cioè detengono l’asset sottostante) sia sintetici (usando derivati per replicare l’andamento dell’asset).
  • ETF (Exchange Traded Fund). Un ETF è un fondo di investimento scambiato come una singola azione in borsa. Gli ETF possono tracciare indici, commodities, asset o una combinazione di questi. L’ETF Bitcoin Spot approvato negli Stati Uniti è un tipo specifico di ETF che, invece di usare derivati o altri strumenti finanziari per replicare l’andamento del Bitcoin, detiene fisicamente Bitcoin, permettendo così agli investitori di avere un’esposizione diretta alla criptovaluta senza doverla acquistare e custodire direttamente.
Fonte: JustETF

Come si vede anche dalla grafica riportata, la differenza tra i tre prodotti è sottile. L’ETP li racchiude tutti, ma se è più chiaro cos’è un ETN, la discriminante tra un ETC e un ETF solo all’apparenza è minima. Entriamo nel dettaglio.

ETC vs ETF

Gli ETF (Exchange Traded Funds) e gli ETC (Exchange Traded Commodities) differiscono principalmente nella loro natura e nel livello di sicurezza.

Gli ETF sono fondi indicizzati negoziati in borsa che replicano passivamente la performance di un indice, come il FTSE MIB, offrendo un’ampia diversificazione a costi ridotti e in modo trasparente. Sono considerati asset speciali, il che garantisce una maggiore sicurezza in caso di insolvenza dell’emittente.

Gli ETC sono titoli negoziati in borsa legati all’andamento delle materie prime, come l’oro, e permettono di investire in singole materie prime. A differenza degli ETF, sono titoli di debito e non offrono la stessa protezione in caso di insolvenza dell’emittente.

Gli ETF offrono una maggiore sicurezza rispetto agli ETC, in quanto il capitale investito è protetto in caso di insolvenza. Gli ETC, essendo titoli di debito, comportano il rischio di perdite in caso di insolvenza dell’emittente. Per ridurre i rischi, gli ETC possono avere diverse forme di garanzia, come depositi fisici, garanzie complete o coperture di terzi.

Inoltre, gli ETF permettono di investire in diverse asset class come azioni, immobili o obbligazioni, mentre gli ETC si focalizzano su singole materie prime o metalli preziosi.

Un’altra differenza è nel costo: gli ETF sono solitamente meno costosi degli ETC.

Se gli ETF sono ideali per una strategia di investimento a lungo termine con un focus su una diversificazione globale, gli ETC possono essere utilizzati per strategie specifiche su singole materie prime.

Conclusioni

Abbiamo esaminato le modalità di investimento in ETF su Bitcoin e nelle sue varianti come ETC ed ETN, disponibili sul mercato europeo. Tutti questi strumenti hanno in comune il fatto che consentono agli investitori retail ed istituzionali di accedere a BTC senza detenerlo fisicamente. 

È fondamentale sottolineare l’importanza della prudenza in questi investimenti. Raccomandiamo di investire in questi strumenti finanziari solo dopo aver acquisito una solida conoscenza del settore e valutando attentamente la propria capacità finanziaria. Come sempre, un approccio informato e misurato è la base in qualsiasi decisione di investimento.

HOT TOPIC

Articoli correlati

Giorni :
Ore :
Minuti :
Secondi

— Elimina la confusione —
— diventa un vero trader —

Risparmia 547€
Sul Corso Basic 2.0

⚠️ Solo per pochi giorni ⚠️

L'Academy apre le sue porte.
Entra ora e preparati a cavalcare la prossima Bullrun con noi!