Cos’è Ethereum: come funziona e come investire

Guida completa a Ethereum: la storia, le sue caratteristiche e dove comprare ETH
Indice

In questa guida andremo ad esplorare cos’è e come funziona Ethereum (ETH), una delle criptovalute più conosciute al mondo, che continua a mantenere il secondo posto nella capitalizzazione di mercato, alle spalle del più famoso Bitcoin, e rimane un punto di riferimento per l’intero ecosistema crypto.

Insieme vedremo quali sono le sue caratteristiche, le origini e qual è il suo funzionamento. Inoltre andremo a vedere cosa c’è alla base del suo successo, offrendo consigli pratici per poter acquistare e conservare Ethereum.

Cos’è Ethereum

🪙 CriptovalutaEthereum
💲 TickerETH
🔗 BlockchainEthereum
🗓️ Anno di nascita2013
👨‍💻 FondatoreVitalik Buterin
📄 Whitepaperhttps://ethereum.org/en/whitepaper/ 
🌐 Sito ufficialehttps://ethereum.org 

ETH è la criptovaluta nativa della piattaforma blockchain Ethereum. Utilizzata per pagare le transazioni e i servizi sulla rete omonima, funge da “carburante” per eseguire gli smart contracts e applicazioni decentralizzate (dApps) in modo sicuro e decentralizzato.

Storia di Ethereum

La genesi di Ethereum risale a quando Vitalik Buterin, all’epoca un giovane programmatore e appassionato di Bitcoin, concepì un sistema che potesse superare i limiti della blockchain di Bitcoin, permettendo la creazione e l’esecuzione di smart contracts e applicazioni decentralizzate (dApps).

Nel 2014, un team composto da Vitalik Buterin, Gavin Wood, Joseph Lubin e altri pionieri del settore, avviò una raccolta fondi tramite una Initial Coin Offering (ICO) che raccolse oltre 18 milioni di dollari in Bitcoin, consentendo lo sviluppo di Ethereum.

Il 30 luglio 2015 venne ufficialmente lanciato con la prima versione della piattaforma, denominata Frontier.

Nel 2020 venne introdotto Ethereum 2.0, una serie di aggiornamenti che intendeva migliorare la scalabilità, la sicurezza e l’efficienza energetica della rete. Con la sua introduzione ci fu di fatto un passaggio epocale dalla proof-of-work (PoW) alla proof-of-stake (PoS).

Il successo di Ethereum è da ricercarsi nella sua capacità di eseguire smart contracts, che sono contratti auto-eseguibili con i termini dell’accordo scritti direttamente nel codice.

Questa innovazione portò alla creazione di una vasta gamma di applicazioni, dalle finanze decentralizzate (DeFi) ai token non fungibili (NFT), rivoluzionando numerosi settori.

Cosa rende unico Ethereum

Ethereum è unico per diverse ragioni che lo distinguono nel panorama delle criptovalute. Innanzitutto, ETH non è solo una crypto, ma anche il “carburante” della piattaforma stessa.

Questo significa che ETH ha un valore intrinseco legato all’utilità della rete Ethereum, oltre a essere una riserva di valore e un mezzo di scambio.

Ethereum è anche caratterizzato dalla sua community di sviluppatori molto attiva e dall’ecosistema in continua espansione. La rete supporta numerosi token e progetti innovativi, rendendola una delle piattaforme più versatili e dinamiche del settore.

Come funziona Ethereum

Il funzionamento di Ethereum si basa su una rete di nodi distribuiti in tutto il mondo, che convalidano e registrano le transazioni. In origine Ethereum utilizzava un sistema di consenso chiamato proof-of-work (PoW), dove i miner risolvono complessi problemi matematici per aggiungere nuovi blocchi alla blockchain. 

Con l’introduzione di Ethereum 2.0, la rete passò, invece, a un sistema di consenso proof-of-stake (PoS), in cui i validatori vengono scelti in base alla quantità di ETH che possiedono e “mettono in gioco”.

Un altro elemento distintivo nel funzionamento di Ethereum sono gli smart contracts, che vengono eseguiti in modo automatico appena le condizioni prestabilite sono soddisfatte. In questo modo si va a eliminare il bisogno di intermediari. 

Gli sviluppatori di Ethereum possono creare dApps usando Solidity come linguaggio di programmazione, che viene compilato in bytecode ed eseguito dalla EVM (Ethereum Virtual Machine).

Ethereum è anche la base per la creazione di token tramite standard come ERC-20 per token fungibili e ERC-721 per token non fungibili (NFT).

Usi di Ethereum

Ethereum offre una gamma assai vasta di usi, che vanno oltre al semplice trasferimento di fondi. Come abbiamo già avuto modo di accennare in precedenza, tra le caratteristiche distintive di Ethereum vi sono gli smart contracts, con la possibilità di crearne e di eseguirne.

Tra gli altri usi troviamo: 

  • dApps, ossia Applicazioni Decentralizzate che operano all’interno della sua blockchain, coprendo settori che vanno dai giochi ai social media.
  • DeFi di cui Ethereum può vantare di esserne il fulcro, offrendo servizi come prestiti e trading. In questo caso ricordiamo piattaforme come Uniswap, costruite proprio su Ethereum.
  • Tokenizzazione e ICO: Ethereum supporta attraverso ERC-20 e ERC-721 la creazione di token che spesso vengono usati nelle ICO al fine di raccogliere dei fondi per progetti innovativi e inerenti allo sviluppo della blockchain.
  • Token Non Fungibili (NFT): sono delle vere e proprie opere d’arte digitali, che possono essere collezionate o vendute, queste opere sono oggetti unici e sono in gran parte basati proprio su Ethereum.
  • Supply Chain Management: attraverso la supply chain Ethereum può tracciare l’origine, ma anche il percorso dei propri prodotti, in questo modo garantisce autenticità e trasparenza.
  • Identità Digitale: Ethereum consente anche la creazione di identità digitali sicure e verificabili, che possono essere utilizzate per vari scopi, come ad esempio l’accesso a servizi online.
  • Decentralized Autonomous Organizations (DAO): Ethereum permette la creazione di DAO, che sono organizzazioni governate da smart contracts, dove le decisioni vengono prese collettivamente dai membri attraverso un sistema di votazione.

Come comprare Ethereum (ETH)

Il primo passo da fare per comprare Ethereum (ETH) è quello di scegliere un exchange crypto affidabile e sicuro. Selezionate sempre piattaforme che possano garantire sicurezza e un uso semplice e intuitivo.

Tra i migliori exchange crypto per poter acquistare Ethereum troviamo anche:

  • Bitget: questo exchange supporta Ethereum per trading, deposito e prelievo. Ha integrato soluzioni come Arbitrum e offre promozioni come trading zero commissioni su coppie BTC/USDT ed ETH/USDT.
  • Bybit: questo exchange crypto permettere ai propri utenti di prelevare e depositare Ethereum usando anche strumenti avanzati, opzioni di leva e un’interfaccia user-friendly.
  • Binance: è l’exchange di criptovalute più famoso al mondo, supporta moltissime crypto, tra cui anche ETH. Avrete la possibilità di scambiare Ethereum con altre crypto o valute fiat, facendo uso anche di strumenti di trading molto avanzati.
  • Bitfinex: questo exchange offre la possibilità di fare trading con ETH, ma è la sua piattaforma è anche progettata per poter soddisfare varie tipologie di trading, tra cui lo staking e il lending.
  • OKX: anche su questo exchange Ethereum è listato tra le principali criptovalute. Si può fare trading con varie altre crypto e valute fiat.
  • KuCoin: è una piattaforma exchange che supporta diverse crypto tra cui Ethereum. Gli utenti possono depositare, prelevare e fare trading di ETH, beneficiando di un’ampia gamma di coppie di trading e servizi di sicurezza avanzati.

Il valore di Ethereum

Il prezzo di Ethereum dal suo lancio nel luglio 2015, quando il prezzo era inferiore a 1 dollaro, ha attraversato notevoli fluttuazioni. Nei primi mesi il prezzo rimase stabile oscillando tra 0,50 dollari e 1 dollaro.

Nel 2016 il prezzo cominciò a salire in maniera graduale quando raggiunse 14 dollari all’incirca a metà anno. La piattaforma però proprio nel giugno di quell’anno subì un attacco al DAO, che fece dimezzare il prezzo, portandolo a 7 dollari.

Il 2017 segnò un periodo di incremento per Ethereum, come per l’intero mercato delle crypto, quando a giugno raggiunse e superò i 400 dollari. Ma sarà nel gennaio 2018 che ETH toccò il picco di 1.400 dollari, alimentato anche dall’ondata di interesse delle ICO basate proprio su Ethereum.

Fonte: CoinMarketCap

Questo picco durò poco meno di un anno, perché come molte altre criptovalute ETH subì nel dicembre 2018 una correzione che lo portò a scendere fino a 85 dollari. Solo nel corso del 2019 e parte del 2020 il suo prezzo ricominciò a riprendersi in maniera graduale.

Con il 2021 Ethereum riuscì a superare i 4.000 dollari a maggio. Questo fu dovuto in larga parte all’aumento dell’adozione delle DeFi e dei token non fungibili (NFT). A novembre dello stesso anno ETH raggiunse un nuovo massimo storico, toccato i 4.800 dollari.

Con il 2022 il prezzo di Ethereum ebbe vari alti e bassi dovuti principalmente alla volatilità del mercato crypto. 

Nel corso dell’ultimo anno ETH ha avuto un prezzo oscillante tra i 1.500 e i 2.000 dollari, mantenendo il suo ruolo principale nell’ecosistema delle crypto. 

Un elemento molto importante emerso quest’anno è la possibile approvazione degli ETF su Ethereum, che potrebbero influenzare il prezzo come avvenuto per gli ETF su Bitcoin. Questo consentirebbe agli investitori di gestire direttamente la crypto senza doverla acquistare.

Inoltre l’approvazione degli ETF su Ethereum potrebbero portare ad un aumento della domanda da parte di investitori istituzionali e investitori retail.

Al momento attuale Ethereum viene scambiato a circa 3.000 dollari.

Wallet per Ethereum

I wallet per crypto sono decisamente fondamentali per amministrare e proteggere le vostre criptovalute in modo sicuro. È consigliabile non conservare mai i token sugli exchange, specialmente per periodi prolungati, per evitare i rischi legati alla sicurezza delle piattaforme centralizzate.

Qui di seguito vi consigliamo tre wallet per conservare i vostri ETH.

MetaMask

MetaMask è un wallet di criptovalute che vi consente di inviare e ricevere asset digitali come Ethereum e altri token.

Si tratta di un wallet non-custodial, quindi vi garantisce la possibilità di avere il pieno controllo dei vostri asset, senza che terzi detengano le vostre chiavi private.

Quindi sarete voi a detenere le chiavi private e dovrete prestare molta attenzione a non perderle, in quanto MetaMask non le conserva e non vi potrà aiutare in nessun modo nel recupero.

MyEtherWallet

Non si tratta di un semplice wallet, ma è di fatto la porta che vi permette di interagire direttamente con la blockchain di Ethereum.

Per quanto riguarda il wallet vero e proprio si tratta di un wallet non-custodial, ciò significa che avrete l’intero controllo delle vostre chiavi private e dei vostri ETH.

Inoltre MyEtherWallet si distingue dagli altri wallet per la sua accessibilità, ma anche per il fatto di essere disponibile come app mobile e anche come estensione web.

Ledger Nano X

Ledger Nano X è sicuramente uno dei wallet con maggior efficienza in fatto di sicurezza, si tratta infatti di un hardware wallet, un wallet fisico.

I vostri token potranno essere al sicuro letteralmente tra le vostre mani, in quanto è un dispositivo fisico, che mantiene gli asset digitali protetti al suo interno da un PIN.

Ledger Nano X è il dispositivo migliore per coloro che diffidano dei wallet virtuali e che si sentono più sicuri con un wallet concreto.

Ethereum pro e contro

🟢 Pro🔴 Contro 
Smart contractsScalabilità limitata
DecentralizzazioneCosti di transizione elevati
Community solidaConcorrenti emergenti (Solana, Polkadot…)
Transizione a Ethereum 2.0

Conclusione

Come abbiamo avuto modo di vedere Ethereum ha rivoluzionato con la sua piattaforma di smart contract l’intero mondo delle crypo, favorendo anche lo sviluppo delle dApps.

Ma il futuro di Ethereum non è ovviamente privo di sfide, in primo luogo il problema fondamentale che dovrà affrontare sarà quello della scalabilità, con la necessità di trovare delle soluzione al fine di migliore la velocità e ridurre i costi delle transazioni.

Un altro ostacolo da superare sarà la concorrenza di altre blockchain come, ad esempio, Solana e Polkadot che in questi ultimi tempi stanno facendo sempre più sentire la propria voce. Inoltre anche la questione legata alla sicurezza rappresenta di fatto un ostacolo da superare.

Un elemento fondamentale sarà anche l’approvazione degli ETF su Ethereum, che rappresenterebbe un vero e proprio passo verso l’adozione mainstream di ETH, aumentandone potenzialmente sia la fiducia degli investitori sia il suo valore.

Ad ogni modo Ethereum si è consolidato come pilastro fondamentale per la DeFi e per il web 3.0, aprendo nuove frontiere tecnologiche ed economiche.

HOT TOPIC

Articoli correlati

Giorni :
Ore :
Minuti :
Secondi

— Elimina la confusione —
— diventa un vero trader —

Risparmia 547€
Sul Corso Basic 2.0

⚠️ Solo per pochi giorni ⚠️

L'Academy apre le sue porte.
Entra ora e preparati a cavalcare la prossima Bullrun con noi!